Indicazioni da riportare in etichetta per le preparazioni di carni, carni macinate e prodotti a base di pollame

Preparazioni di carni, carni macinate e prodotti a base di pollame destinati ad essere consumati previa adeguata cottura: informazioni da fornire al consumatore.

Facendo seguito alla nota prot. n. 30530 del 28/07/2015, che forniva le indicazioni operative sulle modalità di gestione della positività per la ricerca di Salmonella nelle carni fresche di pollame, diverse dalle carcasse di pollame, il Ministero della Salute, con nota prot. n. 1038 del 15/01/2016, ha fornito ulteriori precisazioni sulle “indicazioni da riportare in etichetta per le preparazioni di carni, carni macinate e prodotti a base di pollame destinati ad essere consumati previa adeguata cottura“.

involtino di pollo
 

Sentito il parere dell’IZS delle Venezie, laboratorio di riferimento delle Salmonelle, l’indicazione in etichetta “da consumarsi previa adeguata e completa cottura ad almeno 75°C a cuore del prodotto” è coerente con l’articolo 14, punto 3, del reg.CE 178/2002.

In alternativa l’OSA può definire, in base alla natura e alla composizione del prodotto, tempi e temperature riferiti alle modalità di cottura idonee a raggiungere lo stesso livello di sicurezza.

Leggi anche il post del CeIRSA “SALMONELLE NELLE CARNI AVICOLE AL DI FUORI DEL MACELLO: IL MINISTERO DELLA SALUTE RICHIAMA L’IMPORTANZA DELLE INFORMAZIONI FORNITE AL CONSUMATORE”

Tratto da Ceirsa