CARNE O PESCE? FRUTTA O VERDURA? L’IMPORTANTE E’ CHE SIA “FRESCHISSIMO”!

Appuntamento con l’ “Osservatorio Freschissimi” il 20 settembre 2017 presso CTC Camera di Commercio Bologna.

C’è chi lo sta ridisegnando, chi ampliando la propria offerta, chi gli dà un posto d’onore, chi lo rende “stile mercato” anche se è dentro un supermercato e c’è chi punta solo su lui (gli stranieri): stiamo parlando del vasto, variegato e ricco mondo dei FRESCHISSIMI.

E poi c’è un grande pubblico che lo ama, chi lo vuole Bio, chi solo Made in Italy, chi d’allevamento, chi lo associa al “benessere”, chi a KM 0, chi invece consegnato direttamente a casa e ordinato online.

Eppure in questo immenso mondo manca qualcosa: un Osservatorio dei Freschissimi.

Nasce quindi la necessità di mettere chiarezza perché “Fino ad ora non c’è stata la possibilità di fare un confronto diretto” affermano Forward e Future Mark, gli organizzatori dell’evento del 20 settembre 2017 a Bologna. “La nostra azienda da 30 anni si occupa di rilevazioni di mercato per la Distribuzione Moderna (Gdo e Pdo). Per dar vita all’Osservatorio dei Freschissimi abbiamo creato un programma che, negli anni, è stato mutuato in base alle nuove esigenze partendo dalle vecchie analisi di primi prezzi e marca del distributore” affermano gli sponsor.

Una risposta quindi per il mondo della carne dove le voci da tenere in considerazione sono molteplici per avere un confronto corretto: nato in, allevato, macellato, sezionato, confezionato, a parità di caratteristiche e della stessa varietà.

Stessa cosa nell’ittico: zona di pesca, modalità di pesca, modalità di allevamento… mentre per l’ortofrutta: provenienza, categoria, calibro, origine territoriale e denominazione se esiste.

La data unica per toccare con mano “dati freschi” è MERCOLEDI’ 20 SETTEMBRE 2017 a BOLOGNA, presso il CTC della Camera di Commercio di Bologna.

L’evento sarà aperto a tutti previa registrazione su Eventbrite.

Gli sponsor (Forward, Future Mark, Sata) apriranno i lavori partendo proprio dall’Osservatorio dei Freschissimi.

Seguirà l’intervento di GS1 su “Identificazione e tracciabilità dei prodotti con gli standard GS1. La case history GS1 Databar” per poi passare al settore carne con l’intervento di Giuliano Marchesin del Consorzio Italia Zootecnica e subito dopo al settore ittico con Valentina Tepedino di Eurofishmarket.

Conclude la mattinata una tavola rotonda che, attualmente, vede coinvolti Il Melograno, Pesto di Prà, Coldiretti Emilia Romagna, l’e-grocery con il Consorzio Netcomm e la Regione Emilia Romagna con Alimenti e Salute.

In attesa delle ultime conferme che vedrà coinvolti anche “gli stranieri d’oltralpe” l’ultima parola al moderatore dell’evento: Ugo Gaetano StellaIl freschissimo è un tema caldo del largo consumo, destinato a crescere di importanza. Innanzitutto perché risponde alle ultime tendenze dei consumi e perché, implicitamente, ci racconta il livello tecnologico della supply chain del retailer.

E’ un determinante fattore competitivo dell’intera marketing arena, compresi l’horeca e l’eCommerce. Si rinnova infatti il ruolo del negozio fisico e si connota, in modo forte e distintivo, l’identità dell’insegna”.